Progetto “Diamo la parola ai bambini”: Linfa al fianco dei piccoli pazienti

Il progetto “Diamo la parola ai bambini” continua anche nel 2017 con il sostegno di Linfa Onlus che ha stanziato un fondo per sostenere le famiglie con bambini con NF che presentano disturbi del linguaggio, dell’apprendimento, dell’attenzione e/o deficit cognitivi, e devono pertanto essere supportati da terapie   specifiche quali logopedia, psicomotricità  o supporto psicologico specifico.

Consapevoli che il mancato riconoscimento e trattamento di questi disturbi può portare a difficoltà  relazionali e d’inserimento scolastico, con conseguenze importanti nella qualità  della vita, siamo al fianco delle famiglie che spesso devono affrontare privatamente tali terapie con un onere finanziario importante.

Il progetto,  seguito con dedizione e professionalità  dalla dott.ssa Lara Abram  del  Centro Medico di Foniatria di Padova,    permette di fornire una valutazione neuropsicologica completa che possa dare indicazioni specifiche sulle terapie riabilitative adatte ad ogni bambino.

LINFA offre un significativo SOSTEGNO ECONOMICO per la valutazione e il trattamento delle difficoltà  di apprendimento dei bimbi affetti da NF.

Questo progetto, iniziato nel 2014 grazie al contributo della Tavola Valdese attraverso i fondi dell’8 per mille, è stato poi fortemente voluto e proseguito da Linfa che ha stanziato per il 2017 un fondo con le risorse economiche dell’associazione.

Per l’anno in corso già  5 famiglie hanno usufruito di questo progetto con un sostanzioso contributo alle  spese per la  valutazione presso il Centro Medico di Foniatria di Padova e le terapie specifiche svolte su richiesta della dott.ssa Lara Abram con professionisti selezionati.

Ringraziamo la dott.ssa Lara Abram che da diversi anni ci aiuta in questo progetto e che si è prodigata con generosità  verso l’associazione e i suoi piccoli pazienti con NF!

Per eventuali informazioni sul progetto potete rivolgervi alla nostra segreteria organizzativa.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *